VENEZIA ACCESSIBILE

Venezia accessibile, Giulia e Andrea
Venezia accessibile, Giulia e Andrea

PANORAMICA DI VENEZIA

Una delle città più romantiche e caratteristiche del mondo.

Venezia regala un’atmosfera di tranquillità, capace di catapultarvi in un’epoca lontana, quando ancora non esistevano le macchine, nessuno era di fretta e la tecnologia non era sovrana.

Venezia in carrozzina… beh… è un po’ diversa. L’atmosfera è sempre la stessa, la sua bellezza indiscutibile, però vi assicuro che girare Venezia in carrozzina non è un passeggiata!!

Avevamo già visitato Venezia quattro anni fa e la città era davvero impraticabile su una sedia a rotelle. Abbiamo deciso di tornarci poiché sentivamo parlare di una Venezia che aveva deciso di rendersi accessibile.

Noi abbiamo comunque scelto di girare per Venezia nel modo “tradizionale” e Andrea si è fatto tutti i gradini di tutti i ponti.

Il bello di Venezia è perdersi all’interno dei suoi calli, esplorare ogni sestiere ed intrufolarsi nei suoi cortili.

Dopo questa esperienza ora vi vogliamo raccontare cosa è davvero fattibile fare a Venezia se si convive con una disabilità.

VENEZIA ACCESSIBILE

Premetto che il comune di Venezia ha provato a rendere la città accessibile.

Ha reso disponibile una cartina delle zone che si possono raggiungere in carrozzina (potete scaricarla QUI) ma non sono proprio sicura sia esatta e dettagliata.

Dalla cartina potrete notare che il modo migliore per girare la città, se volete evitare i mille ponti con dei “magnifici” gradini in marmo, è prendere il vaporetto che percorre il Canal Grande e ha numerose fermate.

L’unico modo per visitare Venezia in carrozzina è quello di accedere alle piazze principali (che vedrete nella cartina con il colore verde scuro) tramite la fermata del vaporetto più vicina.

Arrivati nelle piazze sarà difficile avventurarvi all’interno della città attraverso le calli secondarie poiché i ponti sono quasi sempre non accessibili.

Ecco perché vi consiglio di spostarvi da un quartiere all’altro nuovamente in vaporetto.

Prezzi del Vaporetto per girare Venezia

Il costo del biglietto è di € 1,50 e comprende una corsa singola per il disabile e per l’accompagnatore con una durata di 75 minuti. Valido anche per andare nelle isole di Murano, Burano e Torcello.

Non esistono biglietti giornalieri o plurigiornalieri, ma sicuramente è la soluzione più economica (il giornaliero costerebbe € 20 A PERSONA).

In compenso i vaporetti sono abbastanza accessibili e vi permetteranno di visitare gran parte della città.

Hanno anche provato a rendere alcuni ponti più o meno accessibili con delle rampe o unendo i gradini più larghi con delle piccole rampette, ma sono pochi e comunque abbastanza ripidi. In ogni caso il sovraffollamento dei ponti renderebbe comunque difficile usarli in maniera autonoma.

Guardando tutte queste persone usare le rampe mi è sorto un dubbio: perché non facciamo queste “benedette” rampe ovunque??

Perché come dico sempre: UNA COSA PIÙ SEMPLICE PER UNA PERSONA CON DISABILITÀ, È PIÙ SEMPLICE PER TUTTI!

COSA VEDERE A VENEZIA

Ecco cosa vi propongo di vedere a Venezia, anche solo per una toccata e fuga nel week end.

Ecco una lista dei luoghi più accessibili di Venezia.

  • Piazza San Marco (una delle zone più accessibile della città)
  • Il lungomare vicino a piazza San Marco (molto accessibile con le rampe sui ponti). Potrete anche vedere il Ponte dei Sospiri dal ponte di fronte.
  • Terrazza Fondaco dei Tedeschi, è un punto panoramico proprio dietro il Ponte di Rialto che vi permetterà di vedere la città dall’alto. È gratuito, ma è necessaria la prenotazione che potete fare QUI
  • Burano e Murano, personalmente ho preferito Burano e l’ho trovata più accessibile
  • La zona lungo il Canal Grande attorno alla stazione ferroviaria di Santa Lucia e alla stazione dei pullman.
  • Servizio di gondola accessibile (potete trovare le informazioni e effettuare le prenotazioni QUI)

Ecco la lista dei posti che meritano di essere visitati, ma che ahimè… non sono accessibili.

  • Ponte di Rialto, sicuramente uno dei posti più belli e famosi al mondo
  • Salire sul campanile in piazza San Marco. Un disabile e l’accompagnatore possono salire gratis e senza fare la coda tramite l’accesso prioritario sul lato destro rispetto l’entrata principale (l’unico problema è che anche questa entrata ha i gradini…)
  • Un giro in gondola lungo i canali interni di Venezia

DOVE MANGIARE A VENEZIA

Avrete solo l’imbarazzo della scelta quando si parla di mangiare. Troverete un po’ di tutto, dai ristoranti di lusso sul Canal Grande, alle pizze d’asporto ai ristorantini più economici.

Come consiglio generale vi conviene spostarvi dalle vie centrali e avventurarsi nelle calli più piccole per trovare locali dai prezzi più abbordabili, senza farvi spennare.

COSA MANGIARE A VENEZIA

Per visitare Venezia fino in fondo, dovete per forza prendervi uno Spritz in uno dei suoi mille bar lungo le calli.

Vengono serviti a tutte le ore, con o senza aperitivo, e costano solo 3 o 4 euro!

DOVE DORMIRE A VENEZIA

Questa volta non ho consigli per l’hotel perché siamo andati in camper con i miei genitori per risparmiare.

In ogni caso vi consiglierei di dormire a Mestre e raggiungere Venezia comodamente in treno. Soprattutto perché trovare un hotel accessibile a Venezia è possibile, ma non potete essere sicuri che si possa davvero raggiungere in carrozzina!!

CONCLUSIONI

Purtroppo l’accessibilità di Venezia è scarsa, forse la città meno accessibile in carrozzina, però vi assicuro che non perde il suo fascino ed è davvero romantica.

Guardate il meteo per evitare i giorni di pioggia ed acqua alta, armatevi di un po’ di pazienza e buona volontà e partite alla scoperta di questa città senza tempo!

Per qualsiasi curiosità o informazione aggiuntiva su Venezia potete scrivermi un commento qui sotto, contattarmi con il form QUI o su INSTAGRAM.

Se volete raccontarmi la vostra esperienza a Venezia o dare qualche consiglio, lasciate un commento e ditemi la vostra!

Venezia accessibile
Icons made by Freepik from www.flaticon.com